Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 gennaio 2011 1 10 /01 /gennaio /2011 10:18

Eccoli.

Puntuali come ogni pomeriggio a sedersi su quella panchina, scostando foglie secche  e rossastre che coprono la verde erba dei giardini pubblici. Lei timida, un po' impacciata, lui rosso per la timidezza a sua volta. Hanno entrambi un sorriso radioso, occhi lucidi e ridenti e non si staccano mai l'uno dall'altro.

Parlano per ore a volte, sussurrando frasi tenere d'amore, ma il piu' delle volte stanno li', a contemplarsi in silenzio, come se cio' fosse per loro fare l'amore.... La coppia si abbraccia, si bacia per delle ore, ed io li, a guardare discretamente la scena, non per perversione, ma per la meraviglia della magia che esce dai due, del primo amore, intenso e fragile, fatto di coccole e di abbracci stretti, fatto di parole dolci e baci.

Un amore puro e sincero, come sembrano essere i due ragazzi che ho davanti a me. Pensavo non esistesse piu' l'amore con la A maiuscola tra i giovani d'oggi, ma quella scena mi ha fatto ricredere e mi ha dimostrato che e' ancora l'amore che regge il mondo.

 

 

Condividi post
Repost0

commenti

Pam 01/11/2011 12:08



Dolcissimo pensiero!! A volte capita anche a me di pensare che l'amore sia morto, poi mi ricordo di Platone, che diceva che l'amore muore ogni notte e rinasce ogni mattina!! Forse la mia
generazione è poco incline all'amore, ma solo perchè non lo conosce e non lo capisce... ma poi, per fortuna, qualcuno si lascia andare, e allora si ha la possibilità i vedere una coppia, su una
panchina, che si ama davvero!!


xoxo Pam



primodisette 01/11/2011 19:44



E' cosi'. L'evoluzione delle generazioni ha fatto si' che ci siano altri modi di esprimersi, altri tipi di approcci, un altro modo di amare.... Spero pero' che si torni alle cose belle, come il
corteggiamento, come la galanteria, e che l'uomo sia virile e la donna sia femminile. Un bacio, Renato.