Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
15 dicembre 2010 3 15 /12 /dicembre /2010 20:00

Eh gia', girando qui e la per il web mi accorgo di non essere solo a pensare che l'atmosfera natalizia non e' piu' tale. Adesso si vendono i panettoni da ottobre, si agghindano le vetrine i primi di novembre e si fa l'albero o il presepe i primi di dicembre.... Non si capisce piu' dov''e finita la festa cristiana, e dove cominci quella pagana..... Insomma, sono diventato un orso, non riesco piu' a divertirmi alle feste comandate, preferisco spesso stare a casa al pc piuttosto. Il consumismo sfrenato, i media che bombardano su ogni tipo di prodotti  non fanno per me. Per giunta sono agnostico, ma mi adeguo e seguo il ritmo delle festivita' che ci accompagnano verso la fine di questo anno e l'inizio del prossimo... Credo che le cose cambieranno, ma non credo in meglio, anzi! Non per essere pessimista, ma la realta' dei fatti promette il contrario. Non resta che augurare a tutti i lettori buone feste, buon anno nuovo e speriamo in un futuro. Renato.

 

Condividi post
Repost0
10 dicembre 2010 5 10 /12 /dicembre /2010 08:01

In queste feste di Natale,

ricordiamo chi sta molto male.

Ricordiamo chi non ha di che mangiare,

chi muore di fame,

chi e' triste perche' e solo,

chi e' in lutto,

chi e' immobile su una carrozzina.

A Natale e in tutto il resto dell'anno,

ma specialmente a Natale e Capodanno,

non rimpinziamoci fino a scoppiare,

non facciamo sprechi inutili,

non buttiamo cibi e soldi per il gusto di farlo.

Solo cosi' avremo il rispetto per quelle persone qui sopra.

A Natale cerchiamo tutti di essere piu' umili.

A Natale, e non solo!

 

 

Condividi post
Repost0
3 dicembre 2010 5 03 /12 /dicembre /2010 18:13

 

Ciao Carla.

Oggi sono stato, come ogni venerdi’,

tuo compagno di viaggio.

C’e’ un feeling particolare tra noi,

nulla di sessuale,

ma un feeling di intesa che va oltre l’amicizia.

Sono sempre stato un ottimo ascoltatore,

e tu l’hai capito,

specie oggi che ti sei voluta sfogare

ed hai voluto dirmi delle cose

come per chiedere a me supporto e consigli.

Sei una persona responsabile e cosciente,

sin dal primo giorno che ti ho conosciuta

e che ti disperavi perche’ non volevi venire al centro

assieme agli altri.

Perche’ tu sei diversa, tu sei cosciente, capisci e parli.

Perche’ sei speciale, chiusa in un corpo deforme e contratto

da una ipossia subita nel parto per colpa di una negligenza

di chi mai ha pagato le sue colpe.

Spesso ti sei disperata

perche’ nel centro non ti trattano come normale,

ma come tutti gli altri

che non hanno la facolta’ intellettiva come te,

e tu ne soffri davvero tanto.

Ma ho anche visto il tuo viso illuminarti

per un amico che ti comprende

e cio’ mi inorgoglisce non poco.

Oggi mi hai aperto il cuore,

confidandomi che stai decidendo per una nuova tecnica

di impianto sottopelle che ti permette di distendere tendini e muscoli

e ti fara’ finalmente finire i dolori

-atroci a volte-

che hai tutto il giorno.

Il tuo viso aveva un sorriso stampato,

un sorriso di speranzamentre mi raccontavi.

Ma la cosa che mi ha fatto tenerezza,

una tenerezza speciale

e’ stato quando ti ho chiesto

che cosa avresti desiderato per Natale.

Mi dicesti nulla, ti basta sapere tutti i tuoi cari in salute.

Di contro, ti ho detto che volevo sapere se TU volevi qualcosa.

Mi hai risposto che hai sempre desiderato solo e sempre una cosa.

E quella cosa e’ volere,

almeno per una volta,

camminare con le tue gambe.

Sai benissimo che il tuo sogno e’ impossibile,

sai che la sedia su cui siedi sono le tue gambe,

e ti accontenti di sognare…

E’ stato irrefrenabile l’impulso di farti una carezza,

avrei voluto stringerti forte.

Ti ho allora spronato a non arrenderti mai,

a cercare nuovi ritrovati per farti stare meglio,

e a credere nella vita,

battagliera come sei.

Carla,

hai 46 anni,

il desiderio legittimo di una vita normale,

il desiderio di amore,

di vivere,

camminare,

gioire.

Per ora pero’,

sappi che a prendere forza,

a gioire per un tuo sorriso,

per la tua voglia di vivere

sono io,

Un tuo amico speciale.

Un tuo amico sincero.

Un tuo amico per sempre.

 

Condividi post
Repost0
28 novembre 2010 7 28 /11 /novembre /2010 14:43

Natale.

Con le sue palle colorate,

col suo consumismo sfrenato,

con la sua aria di santita' ipocrita,

con il suo perbenismo,

con i suoi sorrisi di circostanza,

con le sue riunioni di parenti che si scannano il resto dell'anno, 

con le sue mangiate pantagrueliche,

con i suoi alberi sradicati,

 con i suoi debiti accumulati,

con i suoi soldi spesi,

con la tristezza nel cuore,

con la sua solitudine per molti.....

Natale,

Festa per me da saltare.

Condividi post
Repost0
25 novembre 2010 4 25 /11 /novembre /2010 20:42

E' buffo come mi fermi a guardare le gocce che si rincorrono scendendo sul vetro della finestra di casa, a volte raggruppandosi in gocce piu' grosse per correre giu' verso terra come fosse una gara.

Piove, e la tristezza sale, mi rifugio nella mia osservazione per cercare di non pensare alla solitudine e all'amore che manca.

Per non parlare poi dei problemi enormi che quest'anno si sono risolti ma anche a quelli che sono insorti risolvendo questi altri. E' un anno da passare col cuore in gola, quello che sta per venire, tra tribunali dei minori, psicologhe e quant'altro.

Ma sono contento, almeno una situazione si e' sbloccata, adesso c'e' quella che grava di piu' su mia figlia, le visite, il processo per abuso di minore, e poi, dalla mia, c'e' il ripristino sperato della pensione che mi hanno revocato...

Insomma, cerco di affogare i pensieri guardando la pioggia che bagna vetri e che disegna strane forme formando pozzanghere mai uguali...

Passera', non ho dubbi, ma quanto vorrei un po' di tranquillita'!!!

Condividi post
Repost0
20 novembre 2010 6 20 /11 /novembre /2010 18:43

Ho bisogno di una pausa. Ho appena finito di trasferire il mio blog da dov'era a qui, e sono triste.  Triste per aver lasciato le amicizie che ho coltivato in un quattro anni circa di blog.Delle buonissime amicizie, che pero' frequentero' da esterno.

Per me l'amicizia e' sacra, quando scelgo una vera amicizia la conservo per tutta la vita, a volte e' capitato pero' di perdere i contatti per fattori esterni....

Non riesco pero' a sacrificare i miei principi per fare piacere agli altri. Questo mi pone in conflitto con me stesso, e allora sopraggiunge la tristezza.

Spero vivamente di costruirmi delle sincere amicizie anche qui, ma sono cosciente che ogni ambiente e' diverso dall'altro, con modi diversi di gestire... Aspetto l'ispirazione, visitero' dei blogs, commentero' nel frattempo.

A bien tot, mes amis.

Condividi post
Repost0
18 novembre 2010 4 18 /11 /novembre /2010 20:57


Come una scena al rallentatore

in bianco e nero una stilla si infrange sul pavimento

disintegrandosi in mille goccioline minuscole,

sollevo il capo e mi accorgo che

la stilla e' scesa dai miei occhi,

tra mille pensieri e amori passati,

rimpianti, solitudine, problemi e guai.

Lo sconforto e' immenso, la ricerca di aiuto

continua di giorno in giorno incessante e noncurante del mio orgoglio,

perche' l'orgoglio non serve, perche' ci vuole l'umilta' necessaria

per domandare a chi puo'.....

Non e' mai stato un bello stato d'animo per me,

non lo e' ancora e non lo sara' mai.

So solo che non vedro' luce tanto facilmente, 

so solo che spero, forse, un domani, di poter dire "finalmente!"

solo se il destino ci mettera' una mano, e mi fara' rinascere.

 

 

 


Condividi post
Repost0
18 novembre 2010 4 18 /11 /novembre /2010 20:55

 



Ti guardo,

ti osservo. 

Il tuo splendido corpo

suscita sensazioni estatiche.

I folti capelli incorniciano il tuo dolce viso.

Le curve opime ma non grosse, sinuose ed invitanti.

I seni turgidi e sodi richiamano desiderio.

Languida ed innocente per la prima posa,

fai trasparire il rossore della timidezza,

che accentua ancor piu' la voglia d'amore che e' in te,

l'erotismo sprigionato da ogni poro della tua pelle,

la voglia di essere donna, donna fino in fondo

e donarti finalmente al tuo uomo, al tuo amore

con tutta te stessa, senza confini e remore

per affondare nell'oblio assoluto,

nella lussuria piu' sfrenata

ed abbandonarti a me

per la vita.....

amore.

 


 Foto di primodisette

Condividi post
Repost0
18 novembre 2010 4 18 /11 /novembre /2010 20:54

Spesso mi capita, come dicevo qualche post addietro, di commentare un post e poi farne un post a mia volta. L'ispirazione viene d'improvviso e quando ho scritto, rileggendo stento a credere di averla scritta io. Anche questa e' stata ispirata da una bellissima poesia della mia amica Stregaporfidia e la pubblico, magari non piace solo a me.

Assetato,

voglio abbeverarmi

delle tue parole,

dei tuoi versi.

Affamato,

voglio cibarmi

del tuo amore,

delle tue carezze.

Appagato,

voglio crogiolarmi

nel tuo grembo,

accoccolarmi

tra le tue braccia

per sognare di noi,

per bearmi

di cosi' tanta passione....

 

 

Foto di primodisette

Condividi post
Repost0
18 novembre 2010 4 18 /11 /novembre /2010 20:51

Queste righe sono una dedica. Una dedica "diversa". Per tutte le persone normalmente "diverse" tra noi, che faticano per un loro diritto di essere.


Mi dici "Ti amo"
abbiamo lo stesso nome,
gli stessi sentimenti,
lo stesso cuore,
lo stesso sesso.
Siamo considerati ancora
una malattia da curare
un male per la societa'.
Viviamo con mille problemi
la nostra sola colpa
e' di essere come siamo
per istinto, indole, natura.
Eppure,
ancora non siamo liberi
di esprimerci,
di amarci,
di essere riconosciuti dalla societa'.
Ma intanto l'amore che c'e' dentro di noi
e' tale e quale a quello dei cosiddetti "normali",
gli eterosessuali.
Eppure respiriamo,
mangiamo,

dormiamo come loro.
Ma la gente e' feroce,
la gente non capisce
ed ha paura di capire.
Non accetta ed ha paura
di cose che non capisce,
cose che non concepisce.
Il nostro amore va oltre ogni barriera,
oltre ogni confine
sia esso sessuale che morale.
ETEROSESSUALI.
Cosi' si definiscono.
E quando lo dicono alzano perfino il mento
e gonfiano il petto,
come per distinguersi
e mettere un palmo di distanza
tra loro e noi..
Noi siamo froci,
finocchi,
checche,
lesbiche,
senza nominare cose peggiori.
OMOSESSUALI.
Siamo omosessuali,
difficile per voi dirlo?
Ne siamo orgogliosi di questo,
e' nel nostro DNA,
nel nostro modo di vivere.

E viviamo in pace
e con amore per noi stessi
e per gli altri.
Pensare all'omosessualita'  vi terrorizza
temendo che se lo dite
i vostri figli possano essere contagiati?
Siamo di carne ed ossa,
abbiamo mamma e papa' come voi.
Abbiamo affetti, amicizie e amori
esattamente come voi.
Percio', cari eterosessuali,
abbiate un minimo rispetto per
persone come voi,
per persone che sono disposte
ad aprire il loro cuore sempre e con chiunque.
GLI/LE OMOSESSUALI.

 

Ho voluto dedicare queste righe non perche' io sia omosessuale, ma perche' ho amici che lo sono, e mi sono trovato a difenderli dalle angherie della gente, xenofoba nei loro confronti, razzista fino all'osso.

E non ritengo giusto che si debba infierire contro chi vuole semplicemente vivere la sua vita e la sua sessualita' senza dare noia agli altri.

Molte volte e' capitato di avere bisogno di aiuto, e per primo mi ha aiutato sempre un mio amico omosessuale. Animo gentile, generoso, con la sensibilita' che pochissimi hanno.

Grazie a lui di esistere, grazie Ivan.

 

 

Foto di primodisette

Condividi post
Repost0